UNA CHIESA GREMITA QUELLA DI SAN GIUSEPPE LAVORATORE AL RIONE GHIANGHETTA DI POTENZA PER L’ULTIMO SALUTO A Giuseppe Santoro, l’operaio della Pittini Siderurgica morto ieri dopo cinque giorni di coma a seguito del deragliamento di un treno carico di rottami.

 

Alle 16,00 il corteo funebre portato a spalla dai colleghi di lavoro ha attraversato alcune vie del rione Lucania per arrivare alla chiesa di San Giuseppe. Molti i parenti e le autorità, il vice presidente della regione Basilicata Folino e la consigliera Simonetti. In lacrime la famiglia dell’operaio della Siderpotenza, che lascia la moglie e un figlio di 10 anni. Per don Peppino Nolè che ha officiato la santa messa nella sua omelia ha parlato di Giustizia, di voler sapere le ragioni della morte di  Peppino.

 370 totale visualizzazioni,  2 oggi