POTENZA – RENDE 2-2

Il Potenza vede sfumare la vittoria nei minuti di recupero contro il Rende, calabresi allenati da Pino Rigoli, in lotta per la salvezza. Pronti e via e il Rende passa subito in vantaggio dopo appena sessanta secondi. Cross che arriva dalla sinistra e Libertazzi da dentro l’area di rigore prende la mira e al volo manda i suoi in vantaggio. Archiviato il gol è il Potenza a prendere le redini del gioco e al 9’ con Emerson riporta tutto in parità direttamente da calcio di punizione. I padroni di casa escono perciò dal guscio iniziale e alzano i ritmi in un primo tempo ricco di azioni. Il Rende ci riprova poco dopo con il solito Libertazzi che su un calcio d’angolo non andato a buon fine aggancia la palla in rovesciata ma manda la sfera sopra la traversa. Nel finale sono sempre i padroni di casa a giocare con il pressing alto senza dare spazio ai calabresi che riescono a contenere le incursioni dei lucani. Sul duplice fischio ci prova Coccia che in proprio sfiora il gol con Borsellini bravo a chiudere in angolo. Nella ripresa cambia Raffaele con Isgrò al posto di un deludente Ferri Marini. Pronti e via e nella ripresa è il Potenza ad andare in gol ribaltando il risultato. Cross dalla destra di Golfo, in tuffo di testa va Coccia che fa il suo secondo gol tra i professionisti e porta i suoi in avanti. Al 60’ brutto infortunio muscolare per Isgrò che deve abbandonare il campo, al suo posto in campo Sonny D’Angelo. Gara che scorre senza troppe difficoltà per i padroni di casa, nel Rende invece prova a smuovere qualcosa l’ingresso di Loviso. Al triplice fischio arriva la doccia gelata, i biancorossi trovano a sorpresa il gol del 2-2 che sarà il punteggio definitivo. Punto prezioso per i biancorossi che dimostrano di volerci credere in una salvezza che sta diventando sempre più complicata del previsto. Per il Potenza invece è un 2020 molto deludente.

403 Visite totali, 2 visite odierne