La gara della serie Tricolore fuoristrada con un ricco parterre di campioni al via, competizione che sabato 17 e domenica 18 si svolgerà su due tappe, partenza ed arrivo a Melfi ed un tracciato tra San Fele e Atella.  

Torna sulla scena questo fine settimana il Campionato Italiano Cross Country Rally ed i suoi attori. Gli specialisti degli sterrati fuoristrada tornano a Melfi per correre il secondo appuntamento Tricolore alla 32. Baja Rally Puglia & Lucania, prova valida anche per CEZ Central European Zone Cross Country Rally Trophy.

Il Municipio di Melfi sarà il Quartier Generale della Gara dal 16 al 18 maggio, grazie alla disponibilità della Giunta Municipale, così anche la partenza, ore 12.31 di sabato, e l’arrivo, ore 12.51 di domenica, e podio premiazioni in Piazza Mancini.

Tre giorni, due tappe, otto settori selettivi per un percorso complessivo pari ad una piccola maratona da 417 chilometri. La prima Tappa sarà incentrata su San Fele, con Parchi Assistenza e Riordini nella Località S. Vito, cinque prove da classifica ed arrivo alle 20.25 a Melfi; la seconda tappa in programma domenica 18 prevede dalle 8.31 tre passaggi sul Settore Selettivo “Atella-Ruvo Del Monte” di quasi venti chilometri e si concluderà dalle 12,51 a Melfi con la Premiazione sempre in P.za Mancini.

Ricca la lista dei campioni annunciati tra le fila del secondo round del Campionato Italiano Cross Country Rally, la Baja Puglia e Lucania in programma questa fine settimana a Melfi

Da Lorenzo Codecà, cinque volte tricolore della specialità e attuale capofila della classifica assoluta della serie fuoristrada ACI CSAI ed in gara con la Grand Vitara 3.6 T1 schierata da Suzuki Italia, a Giovanni Manfrinato, annunciato al rientro nella gara che lo ha visto più volte protagonista vincente con la Renault Megane prototipo. Ma anche il trentino campione europeo ed italiano rally Renato Travaglia, iscritto con la Nissan Navara nei colori della Islands Motorsport. Tra i campioni indiscussi spicca anche il nome di Andrea Lolli, il modenese capace di prestazioni da assoluto seppur a bordo della Grand Vitara DDiS T2 e sempre al vertice del trofeo monomarca Suzuki Challenge, oppure il veneto Elvis Borsoi che con la Mitsubishi Pajero 3.5 iscritto nel gruppo TH dove in evidenza sono Ananasso, con altri fuoristrada di marca Mitsubishi ma rispettivamente nel modello Pajero 3.2 DiD e Pinin, ma cercherà di mettersi in luce anche il figlio di Travaglia, Aronne a bordo di un Daihatsu Rocky 2,8.

La tre giorni tra la Puglia e la Lucania, vede al via anche la seconda tappa del Suzuki Challenge che ha al comando l’elbano Alberto Spinetti, chiamato a difendere il primato nel monomarca dei Grand Vitara 1.9 DDis dagli attacchi dello stesso Lolli, ma anche e soprattutto dal toscano Andrea Luchini, secondo all’apertura stagionale in Friuli e di altri quattro concorrenti.

Come in occasione della precedente prova dell’Italian Baja, è anche il giovanissimo emiliano Andrea Dalmazzini ad essere atteso al volante del secondo Grand Vitara, ma in versione 2.7 T1, della Suzuki.

Promette spettacolo la Baja organizzata da Sports M. & M. di Melfi sulle strade sterrate della provincia potentina. Competizione alla quale parteciperanno altri protagonisti del Cross Country nazionale, ma anche due piloti polacchi: Tomasz Komornicki su Chevrolet G1 S 10 della G1 Racing, iscritto nel Gruppo T1, e Piotr Bialkowski su Nissan Navara D 22 della Bewa Racing Team.

 373 totale visualizzazioni,  2 oggi