I CARABINIERI DELLE COMPAGNIE DI VENOSA E MELFI, IN COOPERAZIONE CON QUELLI DEL 6° NUCLEO ELICOTTERI DI BARI E DEL NUCLEO CINOFILI DI TITO (PZ), NELLE GIORNATE DI GIOVEDÌ E SABATO HANNO ESEGUITO UN SERVIZIO A LARGO RAGGIO DISPOSTO DAL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI POTENZA.

IL SERVIZIO, TESO AD INCREMENTARE LA PRESENZA DELL’ARMA SUL TERRITORIO DEI COMUNI DI VENOSA E LAVELLO, FINALIZZATO A PREVENIRE E REPRIMERE LA COMMISSIONE DI REATI DI NATURA PREDATORIA, IN MATERIA DI STUPEFACENTI E DI ARMI E DI SOTTOPORRE A CONTROLLO LE PERSONE DI INTERESSE OPERATIVO, IN LAVELLO (PZ), HANNO TRATTO IN ARRESTO FARFARIELLO GIUSEPPE, DI 43 ANNI IN QUANTO RESOSI RESPONSABILE DEI REATI DI COLTIVAZIONE, DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI, NONCHÉ DETENZIONE ILLECITA DI ARMI. RINVENUTO E SEQUESTRATO 25 PIANTE DI CANNABIS COLTIVATE IN UN’APPOSITA SERRA REALIZZATA NEL GIARDINO DI CASA ED UNA RIVOLTELLA CALIBRO 22 PRIVA DI MARCA E MATRICOLA, OCCULTATA ALL’INTERNO DEL RIPOSTIGLIO DELL’APPARTAMENTO;
IN VENOSA (PZ), HANNO NOTIFICATO L’ORDINANZA DELL’OBBLIGO DI DIMORA IN UN COMUNE DIVERSO DA QUELLO DI RESIDENZA EMESSA DAL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI DI MELFI NEI CONFRONTI DI UNA PERSONA DI 39 ANNI. L’UOMO SI ERA RESO RESPONSABILE DI UNA SERIE DI MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA IN DANNO DI FAMILIARI;
IN MURO LUCANO (PZ), HANNO DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA UNA PERSONA DI 23 ANNI, RESASI RESPONSABILE DEL REATO DI RICETTAZIONE IN QUANTO TROVATA IN POSSESSO DI UN TELEFONO DENUNCIATO RUBATO PRESSO LA STESSA STAZIONE CARABINIERI;
IN VENOSA (PZ), HANNO TRATTO IN ARRESTO LOTUMOLO DONATO, 38ENNE DEL POSTO, IN QUANTO RESOSI RESPONSABILE DI VIOLENZA, MINACCIA E RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE. IL SOPRA CITATO, CONTROLLATO ALLA GUIDA DELLA PROPRIA AUTOVETTURA È STATO TROVATO IN EVIDENTE STATO DI EBREZZA E PRIVO DELLA PATENTE IN QUANTO REVOCATA. L’UOMO HA OPPOSTO RESISTENZA, INVEENDO E MINACCIANDO I MILITARI CHE LO HANNO TRATTO IN ARRESTO. SEMPRE IN VENOSA, IN ALTRO CONTESTO OPERATIVO HANNO SEGNALATO ALLA PREFETTURA DI POTENZA UN GIOVANE 33ENNE DEL POSTO QUALE ASSUNTORE DI SOSTANZE STUPEFACENTI. L’UOMO CONTROLLATO, È STATO TROVATO IN POSSESSO, SENZA GIUSTIFICATO MOTIVO, DI ALCUNI MILLIGRAMMI DI METADONE, SOTTOPOSTI A SEQUESTRO AMMINISTRATIVO. SEMPRE IN VENOSA, HANNO DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA UNA PERSONA DI 41 ANNI, IN QUANTO RESASI RESPONSABILE DEL REATO DI RICETTAZIONE AGGRAVATA CONTINUATA. I CARABINIERI HANNO ACCERTATO CHE LO STESSO, UTIZZANDO ILLECITAMENTE UN BADGE MAGNETICO COMPENDIO DI FURTO, ERA RIUSCITO A PRELEVARE PRESSO VARI ISTITUTI DI CREDITO, DANARO CONTANTE PER UN VALORE COMPLESSIVO DI € 1.250,00.
NEL CORSO DEL SERVIZIO, CHE HA VISTO IMPIEGATI COMPLESSIVAMENTE 94 CARABINIERI, 28 AUTOMEZZI, 2 ELICOTTERI ED UNITÀ CINOFILE. SONO STATI SEQUESTRATI 4 VEICOLI, RITIRATE 7 PATENTI E CARTE DI CIRCOLAZIONE, CONTROLLATI 231 VEICOLI E 283 PERSONE.
QUESTI SERVIZI VERRANNO REITERATI, CON FREQUENZA APERIODICA, ANCHE IN CONCORSO CON LE ALTRE FORZE DI POLIZIA.

 338 totale visualizzazioni,  2 oggi