Alla luce di quanto accaduto serve dare, con speditezza e piglio necessario, un nuovo slancio all’azienda ospedaliera regionale(PUOI SEGUIRE IN DIRETTA IL CONSIGLIO REGIONALE SUL DIGITALE TERRESTRE E IN STREAMING SU WWW.LUCANIA.TV) 

 

Ho ritenuto di riproporre la discussione sul San Carlo in Consiglio regionale per dar corso ad un impegno politico istituzionale finalizzato a non rifuggire dalle nostre responsabilità. Le risultanze di questo dibattito sono sì necessarie per riflettere sulle responsabilità, ma sono soprattutto utili ad individuare insieme le prospettive future. In questa direzione la relazione dell’assessore Franconi, non omettendo il tema della responsabilità, offre molto spazio alla prospettive del San Carlo, cosa di cui deve compiutamente occuparsi questa assemblea, anche alla luce di quanto deliberato dalla Giunta regionale sulla base delle risultanze della Commissione ispettiva. Ogni confronto ha tempi, luoghi e contesti. Noi tutti dobbiamo prendere atto che da dieci mesi ci stiamo ripiegando sulle varie questioni, senza bacchette magiche, ma con il chiaro intento di proiettare la nostra regione, sanità compresa, in un futuro migliore.
Anche per il San Carlo dobbiamo evitare i rischi derivanti da una deriva comunicativa e mediatica, frutto di una fase politica ancora in pieno assestamento, e dobbiamo affrontare le questioni con un approccio costruttivo, finalizzato ad analizzare criticità e a prospettare soluzioni.
Al netto dell’attività giudiziaria in corso, per il San Carlo è necessario individuare subito una prospettiva di maggiore serenità, partendo dalle tante cose positive fatte negli anni.
Questa assise, a fronte di una oggettiva delusione manifestata dall’opinione pubblica per quanto accaduto, è chiamata ad affrontare, attraverso un confronto costruttivo tra posizioni politiche differenti, il tema del rilancio del San Carlo.
Per riprendere il buon corso dobbiamo evitare ogni possibile rischio di lottizzazione, lasciando alla responsabilità dei direttori generali le scelte operative. Nel nostro ruolo di controllo dobbiamo provare ad avvicinare le posizioni, superando le incomprensioni con senso di responsabilità e obiettività.
In questa logica, il lavoro portato avanti in Consiglio potrà continuare anche nelle Commissioni per approfondimenti e valutazioni successivi. Tutto ciò per dare, con speditezza e piglio necessari, un nuovo slancio al San Carlo.

 

 185 totale visualizzazioni,  2 oggi