Abbiamo appreso dagli organi di stampa che 15 immigrati provenienti dal centro di Castelnuovo di Porto immigrati dal Lazio in Basilicata: non siamo il deposito dei problemi degli altri.    

 

Abbiamo appreso dagli organi di stampa che 15 immigrati provenienti dal centro di Castelnuovo di Porto, in Lazio, sgomberato a seguito delle nuove norme volute dalla Lega di Salvini, sono stati mandati in Basilicata.

Non ne comprendiamo i motivi, e soprattutto non riusciamo a capire perché, per questo governo, 15 immigrati rappresentano un problema in Lazio, mentre in Basilicata (con i problemi che abbiamo) non dovrebbero esserlo. Il Ministro Salvini aveva promesso di spezzare il business dell'”accoglienza”, mentre la realtà è che questa “pappatoia” si sposta dal Lazio alla nostra regione, dove andrà ad ingrassare il ben noto sistema clientelare legato a Marcello Pittella e al PD.

Tutto ciò, alla vigilia di importantissime elezioni regionali, durante le quali, per colpa di questa scelta priva di senso, le cooperative vicini al PD faranno girare altro denaro e lavoro (lavoro finto, perché quello vero è un’altra cosa).

Auspichiamo che i dirigenti locali della Lega, e in particolare il segretario regionale Cappiello e il senatore Pepe, che vantano vicinanza con i massimi vertici del loro partito, sappiano chiarire la questione e provocare il necessario cambio di marcia dell’esecutivo. La Lucania ha bisogno di lavoro, infrastrutture e legalità, non siamo il deposito dei problemi degli altri.

 533 totale visualizzazioni,  2 oggi