FIRMATO A CRĖTEIL (FRANCIA) UN IMPORTANTE ACCORDO DI PARTENARIATO TRA L’USR PER LA BASILICATA E L’ACADÉMIE DE CRÉTEIL PER PROMUOVERE IL MULTILINGUISMO E LA DIMENSIONE EUROPEA DELLA SCUOLA LUCANA

Créteil (Francia) – L’USR per la Basilicata aggiunge un nuovo tassello al programma di apertura all’Europa e al multilinguismo delle scuole di Basilicata: la firma di un accordo di partenariato con il rettorato dell’Académie de Créteil, per la collaborazione didattica, la mobilità e lo scambio di buone pratiche, suggella un paziente lavoro di circa due anni e dà una nuova opportunità di crescita a tutta la comunità scolastica lucana.

Questo accordo di partenariato” – spiega Claudia Datena, Direttore dell’USR per la Basilicata – “è stato costruito dall’USR in coordinamento con i responsabili della promozione linguistica del Consolato di Napoli, ed ha come obiettivo principale la creazione di un canale privilegiato tra la Basilicata e l’Académie di Créteil per la collaborazione e lo scambio tra le scuole. A partire da oggi, gli scambi delle nostre scuole con la Francia (progetti Erasmus +, mobilità del personale docente e non docente, mobilità degli alunni, collaborazioni didattiche a distanza, progetti pedagogici bilaterali in eTwinning e tanto altro), saranno resi più agevoli e proficui grazie all’azione di un nucleo tecnico di coordinamento bilaterale, che si occuperà di aiutare le istituzioni scolastiche nella ricerca dei partner di progetto e nella supervisione degli scambi. Voglio sottolineare, inoltre, la nostra volontà di inserire nella convenzione di partenariato anche tutte le collaborazioni che utilizzeranno il digitale, al fine di valorizzare e sviluppare un elemento di qualità già in essere nelle scuole di Basilicata”.

L’Académie di Créteil è situata alle porte di Parigi e comprende le tre aree amministrative di Seine-Saint-Denis, Seine-et-Marne e Val-de-Marne, con una popolazione studentesca di oltre novecentomila alunni e di 3294 scuole primarie, secondarie di primo grado (Collèges) e secondarie di secondo grado (Lycées). Due scuole medie (il Collège international de Noisy-le-Grand e il Collège international de Fontainebleu) e una scuola superiore (il Lycée international de l’Est-parisien) presentano delle sezioni internazionali multilingue, mentre ben 128 scuole hanno dei corsi di Italiano come seconda o terza lingua straniera, sicché l’interesse ad uno scambio privilegiato con le scuole della Basilicata sarà fortemente proficuo per entrambe le regioni.

Debora Infante, dirigente dell’Ufficio III – Ambito Territoriale di Potenza e referente istituzionale eTwinning, CLIL, ESABAC e del programma Erasmus Plus dell’Ufficio Scolastico Regionale, sottolinea come: “L’accordo con Créteil rappresenta un ulteriore valorizzazione internazionale delle scuole lucane, dopo la creazione di una scuola Esabac per il conseguimento del doppio diploma italiano e francese, e l’attivazione di uno “Sportello Europa” per il supporto ai progetti di scambio europei e internazionali delle nostre scuole. La nuova centralità del multilinguismo nelle politiche scolastiche del MIUR ci vede coinvolti come Ufficio regionale nella valorizzazione di tutte le lingue straniere presenti nell’offerta formativa delle scuole. Questo progetto di partenariato bilaterale con la Francia servirà a potenziare quanto già in essere per la lingua francese ed anche a dare tutta un insieme di opportunità in più a tutta la comunità scolastica regionale, considerata l’ampia diffusione del francese nelle scuole lucane”.

La delegazione dell’USR Basilicata è stata ricevuta con grande cordialità dal rettore Daniel Auverlot, dall’ispettrice di lingua italiana Marialuisa Cutino, dalla delegata agli scambi internazionali Laure Morel e dalle referenti Barbara Cordeau e Céline Chevillon dell’Académie de Créteil avendo anche la preziosa opportunità di assistere ad una lezione di lingua italiana nella sezione ESABAC del Lycée Suger di Saint-Denis dove gli alunni sedicenni hanno dato prova di possedere un livello avanzato di conoscenza della lingua italiana e un forte interesse per la cultura italiana.