Se pure la Regione ha qualche idea chiara, questa non può rimanere chiusa nelle stanze regionali, ma deve essere oggetto di confronto. Si chiama democrazia

L’assessore Cupparo non ha memoria e parla senza leggere gli atti. Il sindacato unitariamente ha avanzato proposte concrete per quanto attiene le politiche industriali, in particolare la questione Eni e la transizione energetica”.

Così il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa, rispondendo all’assessore regionale alle Attività produttive che è intervenuto sulla problematiche attinenti alla questione petrolio in Basilicata, in particolare su quanto si sta verificando al centro oli di Viggiano.

Come Cgil, Cisl e Uil – aggiunge Summa – abbiamo presentato delle proposte a riguardo. Se pure la Regione ha qualche idea chiara, come afferma l’assessore Cupparo, il tema è e rimane quello per cui queste idee non possono rimanere chiuse in qualche alveo delle stanze regionali, ma oggetto di un confronto con le parti sociali e con tutto il mondo associativo. Questa si chiama democrazia”.

 860 totale visualizzazioni,  2 oggi