RINTRACCIATI TUTTI GLI INDAGATI. DUE DONNE SI TROVAVANO IN PIEMONTE E IN PUGLIA. E’ durata poche ore la ricerca delle due donne che   

non erano state inizialmente rintracciate dagli uomini della Guardia di Finanza nel corso del blitz scattato all’alba di ieri:
nel tardo pomeriggio, infatti, anche a B. C. ed a C.i R. sono stati notificati i provvedimenti cautelari emessi nei loro confronti dal G.I.P. presso il Tribunale di Potenza, dott.sa Tiziana Michela Petrocelli, nell’ambito della nota indagine denominata “Araba Fenica”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza e condotta dalle Fiamme Gialle del capoluogo.
C. R., destinataria della misura dell’obbligo di presentazione alla P.G.., da
diverse settimane aveva lasciato “campo libero” ai suoi due figli e si era trasferita presso la dimora del suo compagno, in provincia di Cuneo. Il tempestivo coordinamento attuato con i finanzieri della locale Compagnia ha consentito la rapida individuazione della donna che si sottoporrà ai predetti obblighi nella località piemontese.
B. C., destinataria della misura agli arresti domiciliari, aveva deciso di
trascorrere qualche giorno in Salento. L’intervento delle Fiamme Gialle leccesi,
prontamente attivate dai colleghi del Nucleo di Polizia Tributaria di Potenza, che gli avevano fornito elementi precisi per rintracciarla, ne ha interrotto la vacanza.
La donna, al termine delle formalità di rito, è stata tradotta da Lecce al proprio domicilio, sito a Vaglio di Basilicata, ove sconterà gli arresti domiciliari.

 391 totale visualizzazioni,  2 oggi