Martedì 17 novembre i lavoratori ex reddito minimo di inserimento ed ex mobilità saranno in presidio davanti al Palazzo della Giunta regionale, in viale Verrastro a Potenza, a partire dalle ore 16. Il presidio – spiegano i segretari generali Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, Vincenzo Cavallo, Vincenzo Esposito e Gerardo Nardiello – si è reso necessario a seguito della decisione della Regione Basilicata di ridurre le giornate lavorative da 102 a 85. “Si tratta spesso di famiglie monoreddito, che sarebbero costrette a vivere con cinquemila euro all’anno – denunciano i segretari – ed è inaccettabile, specie in un momento come questo. Si tratta di una platea di 800 lavoratori e di un comparto strategico per la cura ambientale e il dissesto idrogeologico”.

 878 totale visualizzazioni,  2 oggi