Anno 2021

Nel 2021 si sono verificati in Basilicata 918 incidentistradali che hanno causato la morte di 36 persone e il ferimento di altre 1.333. L’anno 2021 è caratterizzato dalla ripresa graduale delle attività e del traffico stradale ma risente ancora di periodi di lockdown leggeri attuati durante l’anno e diversificati sul territorio. Rispetto al 2020 aumentano gli incidenti (+35,6%), le vittime della strada (+100,0%) e i feriti (+26,2%), con valori al di sopra di quelli registrati a livello nazionale, dove gli incidenti sono cresciuti del 28,4%, i morti del 20,0%, i feriti del 28,6% (Prospetto 1).

PROSPETTO 1. INCIDENTI STRADALI, MORTI,FERITI E TASSO DI MORTALITÀ PER PROVINCIA. BASILICATA.

Anni 2021 e 2020, valori assoluti e variazioni percentuali

PROVINCE

2021

2020

Morti Differenza 2021/2020 (valori assoluti)

Morti – Variazioni % 2021/2019

Morti – Variazioni % 2021/2010

Tasso di mortalità 2021

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidenti

Morti

Feriti

Incidenti

Morti

Feriti

 

 

 

 

 

Potenza

508

20

753

372

11

551

9

25,0

-20,0

5,7

 

Matera

410

16

580

305

7

505

9

23,1

-30,4

8,3

 

Basilicata

918

36

1.333

677

18

1.056

18

24,1

-25,0

6,6

 

Italia

151.875

2.875

204.728

118.298

2.395

159.248

480

-9,4

-30,1

4,9

 

La Basilicata rispetto agli obiettivi europei

I Programmi d’azione europei per la sicurezza stradale,riferiti ai decenni 2001-2010 e 2011-2020, impegnano i Paesi membri a conseguire il dimezzamento dei morti per incidente stradale. Per il nuovo decennio di iniziative 2021-2030, gli obiettivi europei sulla sicurezza stradale prevedono l’ulteriore dimezzamento del numero di vittime e dei feriti gravi entro il 2030 rispetto all’anno di benchmark (fissato nel 2019) e il monitoraggio di specifici indicatori di prestazione, Key Performance Indicators (sui temi: infrastrutture, veicoli, infrastrutture stradali, assistenza post-incidente), che l’Italia si prepara a fornire.

Nel periodo 2001-2010 in Basilicata le vittime della strada si sono ridotte del 18,6%, meno della media nazionale
(-42,0%); fra il 2010 e il 2021 si registrano variazioni, rispettivamente, di25,0% e30,1%. Nello stesso periodo l’indice di mortalità sul territorio regionale è diminuito da 4,2 a 3,9 deceduti ogni 100 incidenti mentrequello medio nazionale si conferma pari a 1,9 decessi ogni 100 incidenti (Tavola in allegato).

Nel 2021 l’incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), morti a causa di un incidente stradale, è inferiore alla media nazionale (41,7% contro 43,9%).

Guardando invece agli utenti vulnerabili secondo il ruolo che essi hanno avuto nell’incidente (conducenti, passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni), il loro peso relativo (calcolato sul totale dei deceduti per incidenti stradali) è inferiore a quello nazionale (rispettivamente 33,3% e 50,9%). Tra il 2010 e il 2021 in Basilicata l’incidenza dei pedoni deceduti è aumentata dal 10,4% al 13,9% mentre quella delle vittime a bordo di veicoli a due ruote si è leggermente ridotta, dal 20,8% al 19,4%. A livello nazionale, l’incidenza fra le vittime di conducenti e passeggeri di ciclomotori, motocicli e velocipedi è stabile (34,5% sia nel 2010 che nel 2021) mentre quella dei pedoni sale dal 15,1% al 16,4% (Figura 1).

I costi sociali

Nel 2021 il costo dell’incidentalità stradale con lesioni alle persone è stimato in ca.16 miliardi e 400 milioni di euro per l’intero territorio nazionale (277 euro pro capite)e poco meno di 137 milioni di euro (252 euro pro capite)per la Basilicata; la regione incide per lo 0,8% sul totale nazionale (cfr. Glossario e Nota metodologica a fine testo, Tavola in allegato).

FIGURA 1. UTENTI VULNERABILI PER ETÀ E RUOLO E UTENTI NEL COMPLESSO MORTI PER INCIDENTE STRADALE IN BASILICATA E IN ITALIA. Anni 2010 e 2021, valori percentuali

 1,194 totale visualizzazioni,  100 oggi