Originario di Picerno, preparatore dei portieri di Malta, la settimana scorsa ha affrontato gli azzurri del ct Mancini. In 25 anni di carriera numerosi giocatori allenati e i successi ottenuti

Una vita tra “numeri uno”. È Mario Capece, originario di Picerno, il primo allenatore lucano in una nazionale estera, quella di Malta. Venticinque anni di carriera come preparatore dei portieri e coach educator ai corsi organizzati dalla Uefa. Partito dall’Az Picerno 81, poi l’esperienza a Lagonegro, passando per club come Sorrento, dove in sei anni la squadra è passata dalla serie D alla C1, la Biellese, Süd Tirol, Canavese, Ivrea, Academy Milan a Sydney, Virtus Entella, FK Partizani Tirana in Albania dove ha vinto la supercoppa Albania nel 2019 e l’esperienza in Romania con il Universitatea Craiova vincendo nel 2018 la coppa di Romania e numerose esperienze in Africa del Nord, Canada, Florida, in Tunisia, Lybia, Australia, New Jersey.

Nel suo curriculum si contano anche presenze in Champions League e nomi di portieri importanti come Antonio Mirante, Federico Marchetti, Andrea Seculin e tanti altri professionisti di cui è stato allenatore. È l’ideatore del progetto sportivo-motivazionale “Vita da numeri Uno” sposato e condiviso da diverse società.

È stata una sfida emozionate per mister Capece che la settimana scorsa ha affrontato gli azzurri del ct Mancini, gara valida per la qualificazione a Euro 24. Nel podcast Capece racconta della “gara indimenticabile”, del momento emozionante dell’inno, della sua carriera e del forte legame con Picerno e la Basilicata.

 2,544 totale visualizzazioni,  4 oggi