BiblioAut: l’inclusione possibile oltre l’etichetta”

Presentazione dei risultati del progetto svolto presso ilPolo Bibliotecario di Potenza

Martedì 2 maggio alle ore 17:00, presso la Sala conferenze del Polo bibliotecario di Potenza in via Don Minozzi, saranno presentati i primi risultati del progetto BiblioAut: l’inclusione possibile oltre l’etichetta”, nato grazie alla collaborazione tra il Polo Bibliotecario, l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici (ANGSA) sede di Potenza, l’Istituto Comprensivo “Luigi La Vista” di Potenza e l’Istituto Walden.

Il progetto, il cui coordinamento scientifico è affidato alla dott.ssa Debora Benatti e alla dott.ssa Amalia Sabia del Walden ABA center di Potenza, centro per la terapia dei disturbi dello spettro autistico, ha coinvolto nel suo primo anno di sperimentazione otto classi della scuola primaria dell’IC La Vista, per un numero complessivo di 120 studenti.

Si riportano le dichiarazioni dei promotori del progetto.

Con questo progetto abbiamo voluto mettere in pratica l’idea di biblioteca inclusiva attraverso l’organizzazione di attività di lettura dedicate ai bambini con disturbi dello spettro autistico e ai loro bisogni. Il Polo Bibliotecario è un luogo aperto a tutti, una infrastruttura moderna per la conoscenza e l’apprendimento, al servizio dell’intera comunità. Il progetto BiblioAut è parte di un’offerta culturale ricchissima, che il Ministero della Cultura ha riconosciuto come modello di comunità educante”.

Luigi Catalani, Direttore della Biblioteca Nazionale e del Polo Bibliotecario di Potenza

Dei tanti protocolli d’intesa stipulati in questi anni, quello con il Polo Bibliotecario è quello che ci rende più orgogliosi. Grazie alla sensibilità del direttore Luigi Catalani, si dimostra nei fatti che l’inclusione è possibile, eliminando pregiudizi e differenze”.

Giuliana Lordi, Presidente ANGSA sede di Potenza

Il progetto ha rappresentato un significativo percorso di crescita per noi operatori. I bambini ci hanno insegnato che non esistono etichette. Con la motivazione e le competenze tutto è possibile”.

Debora Benatti, Walden ABA center di Potenza

Biblioaut rappresenta per il nostro istituto un interessante e proficuo percorso di ricerca che mira all’inclusione, alla conoscenza di forme di comunicazione alternative e soprattutto dimostra l’importanza della cooperazione tra scuole e risorse del proprio territorio. Il nostro obiettivo è una scuola che rappresenti una comunità educante, ancorata al proprio territorio ed aperta al futuro e alla ricchezza delle diversità che ci rende unici e speciali.

Per questi risultati ringrazio, come Dirigente scolastico dell’IC La Vista, Luigi Catalani, direttore del Polo Bibliotecario di Potenza, l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici di Potenza che ci hanno dato questa bella opportunità nonché le maestre di scuola primaria di entrambi i plessi, Rione Francioso e San Giovanni Bosco, che con tanta passione hanno aderito e portato avanti il progetto, spinte da una forte motivazione e sensibilità per i nostri alunni e le nostre alunne senza distinzioni. E di questo non posso che essere orgogliosa e soddisfatta”.

Sabina Tartaglia, Dirigente scolastico Istituto Comprensivo Luigi La Vista

 2,586 totale visualizzazioni,  2 oggi