41% di voti alla Fiom Cgil

Si sono svolte per la prima volta alla DEAL, azienda logistica indotto FCA Melfi, le elezioni dei delegati di fabbrica che ha visto la Fiom Cgil conquistare il 41% de voti, con l’elezione di un RSU.

I lavoratori hanno dimostrato determinazione nel voler essere rappresentati dalla FIOM CGIL, un risultato importante, che esprime chiaramente la volontà di libertà dei lavoratori, la volontà di riunirsi in assemblea, di tutelare salute, salario e occupazione. I lavoratori hanno riconosciuto nella FIOM CGIL il sindacato che a tutti i livelli si impegna per garantire diritti uguali per tutti a parità di lavoro.

La frammentazione del lavoro e dei lavoratori anche nell’area di Melfi è funzionale alle imprese, il sistema di appalti e subappalti peggiora le condizioni di lavoro nella sfrenata ricerca della riduzione dei costi di produzione, cancellando così i diritti dei lavoratori, gli unici a subire.

La crisi del settore dell’automotive, aggravata da quella per la pandemia, è utilizzata dalle aziende come alibi per delocalizzare interi siti produttivi mettendo a rischio molti posti di lavoro, impoverendo l’intera classe operaia del paese.

La FIOM CGIL è impegnata affinché questo periodo di transizione e trasformazione dell’industria dell’auto venga governato anche con il sindacato, che ha chiesto al governo di aprire un tavolo del settore per creare nuove politiche del lavoro che rimettano al centro il lavoro di qualità, formazione, innovazione e ricerca.

La FIOM CGIL nel ringraziare tutti i lavoratori per la fiducia che hanno dimostrato votando la nostra organizzazione, conferma l’impegno ad aprire un vertenza sindacale con la direzione DEAL per risolvere i tanti problemi dei lavoratori e migliorare la loro condizione di vita, di lavoro e di salario.

 448 totale visualizzazioni,  2 oggi