sociali ed economiche della regione La Basilicata non può aspettare, a rischio la democrazia”

L’emergenza pandemica sta diventando ormai un alibi da parte del governo Bardi per comprimere ogni spazio di confronto democratico. Si stanno adottando scelte e decisioni al di fuori delle regole basilari dettate dalla nostra Costituzione. In poche parole la Basilicata, senza neanche accorgersene, sta scivolando verso un regime gestionale monocratico”. È quanto afferma il segretario generale Cgil Basilicata Angelo Summa.

Si stanno decidendo impegni di spesa e scelte di utilizzo di risorse economiche su varie misure che non sono state oggetto di alcun confronto né con le parti sociali né tantomeno con i consiglieri regionali – continua Summa – Una deriva democratica pericolosa, che rischiamo di pagare a caro prezzo. Le modalità che si stanno utilizzando rispondono solamente ad una logica di gestione personalistica.

Più volte – aggiunge il segretario generale della Cgil – abbiamo sollecitato il presidente Bardi ad aprire il confronto e a istituire tavoli tematici su cui costruire una proposta condivisa sulla cosiddetta fase 2: dalla sanità alla mobilità, alla sicurezza alla scuola. Più volte abbiamo sollecitato un piano strategico in cui delineare le direttrici su cui concentrare le risorse per far ripartire la Basilicata.

Si continua, invece – afferma ancora Summa – ad adottare la vecchia logica politica tutta incentrata sugli interventi a pioggia propria della cultura politica della spesa pubblica ad personam, al di fuori di qualsiasi visone di sviluppo e programmazione e a risposta individuale, nella sola logica di dare forza a un consenso personale e a un uso privatistico delle risorse pubbliche. Tutto ciò senza alcuna calibrazione delle stesse rispetto agli interessi e ai bisogni di migliaia di lavoratori e famiglie.

Piuttosto che stare dentro a un dualismo tra azioni poste in essere dal governo e azioni attivate dalla Regione – propone il leader della Cgil Basilicata – sarebbe necessario e urgente non disperdere le poche risorse che abbiamo a disposizione in tante misure e concentrarle all’interno di un piano strategico di sviluppo con l’obiettivo di rilanciare l’economia, a partire dalla riprogrammazione di fondi europei già disponibili.

Per rispondere a una crisi di tale dimensioni – conclude Summa – non servono interventi spot ma visione, confronto e capacità di leggere il tessuto sociale ed economico del nostro territorio, coinvolgendo università ed economisti per poter costruire quel piano strategico necessario e fondamentale per dare una possibilità di futuro al nostra Basilicata”.

 316 total views,  3 views today