Comunicati stampa

Potenza: TANTO PESCE ALLA VIGILIA DI NATALE

TANTO PESCE ALLA VIGILIA DI NATALE SULLE TAVOLE DEI LUCANI I consigli di Coldiretti per non cadere negli inganni a tavola. 

Anche sulle tavole dei lucani nei menu della vigilia di Natale sarà servito il pesce per tre consumatori su quattro (75%) a conferma di una tradizione molto radicata nella nostra regione. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia peraltro che nella metà dei casi è presente in maniera esclusiva. Per non cadere nelle trappole del mercato in una situazione in cui la grande maggioranza dei pesci in vendita provengono dall’estero, il consiglio di Coldiretti Basilicata è quello di guardare l’etichetta sul bancone dove deve essere specificato il metodo di produzione (“pescato”, “pescato in acque dolci”, “allevato…”), il tipo di attrezzo oggetto della cattura e la zona di cattura o di produzione (Mar Adriatico, Mar Ionio, Sardegna, anche attraverso un disegno o una mappa). Per quanto riguarda il pesce congelato c’è l’obbligo di indicare la data di congelamento e nel caso di prodotti ittici congelati prima della vendita e successivamente venduti decongelati, la denominazione dell’alimento è accompagnata dalla designazione “decongelato”. Per garantirsi la qualità il pesce fresco - ricorda Coldiretti Basilicata- deve avere inoltre una carne dalla consistenza soda ed elastica, le branchie di colore rosso o rosato e umide e gli occhi non secchi o opachi, mentre l’odore non deve essere forte e sgradevole. Infine, meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne mentre – conclude la confederazione agricola lucana - per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso.