Vari

MATERA: Oltre 1 milione di euro dall’Europa per fare esperienze imprenditoriali all’estero

Lanciata da Materahub | Europe Direct Matera la nuova edizione di Erasmus per giovani imprenditori Materahub,   

referente nazionale del programma europeo nei settori industria culturale e creativa, turismo e food, ha presentato oggi, in una conferenza stampa, tutti i dettagli sull’iniziativa.  

“Per trasformare queste esperienze in opportunità che facilitino l’accesso al mercato del lavoro, vogliamo fare sistema con iniziative nazionali e regionali a supporto dell’imprenditorialità”, ha detto Paolo Montemurro, direttore di Materahub.

Matera, 1 febbraio 2019 - Si è tenuta oggi, nella sede di Materahub, la conferenza stampa di presentazione di “Erasmus per giovani imprenditori”, il programma europeo nato nel 2009 che finanzia esperienze imprenditoriali, da 1 a 6 mesi, in tutta Europa. Materahub, in qualità di referente nazionale dal 2010 e di coordinatrice di uno dei partenariati europei riconosciuti dalla Commissione europea per la gestione di programmi di mobilità, ha illustrato tutti i dettagli sulle modalità di adesione e le opportunità offerte dall’iniziativa che, nel triennio 2019 - 2021, mette a disposizione un budget di oltre un milione di euro.

La conferenza stampa è stata aperta da Raffaele Vitulli, fondatore di Materahub e referente Europe Direct Matera. «L’attenzione di Materahub verso le opportunità offerte dall’Europa e le collaborazioni instaurate con partner europei - ha detto - è stata da sempre un asset prioritario che ha ispirato le nostre attività e che ci ha fortemente motivato a diventare punto di accesso diretto, a livello regionale, alle opportunità offerte dall’Europa, con l’apertura del centro Europe Direct Matera. Ogni progetto realizzato con il nostro partenariato ha sempre avuto come obiettivo il trasferimento e la condivisione di competenze e metodologie che possano facilitare l’accesso al mercato del lavoro, anche per le fasce sociali più deboli. Il programma Erasmus per giovani imprenditori rappresenta una grande occasione in tal senso, per “scambiare”, in contesti internazionali, esperienze che possano dare valore aggiunto sia all’azienda ospitante, che può entrare in contatto con risorse che portano il punto di vista di altri mercati europei, sia per i neo imprenditori che acquisiscono competenze utili per ricollocarsi sul mercato e per avviare una propria azienda nel paese di provenienza».

Secondo i dati ufficiali diffusi dal programma Erasmus per giovani imprenditori, dalla nascita dell’iniziativa nel 2009 a dicembre 2018 sono state ricevute in tutta Europa oltre 22 mila candidature, la maggior parte provenienti da Spagna e Italia. Il nostro paese è tra i 5 principalida cui provengono i nuovi imprenditori (37.62%) e che hanno creato matching tra imprese ospitanti e partecipanti al programma (34.03%). Materahub, negli ultimi 2 anni, è stata la prima organizzazione in Europa per numero di collaborazioni attivate con quasi 250 imprenditori.

«Erasmus per giovani imprenditori è un’iniziativa transettoriale - ha affermato Paolo Montemurro, direttore di Materahub, nel suo intervento durante la conferenza stampa -  ma il focus di Materahub è su tre specifici ambiti, quelli a maggiore impatto per il made in Italy: industria culturale e creativa, turismo e food. Il nostro ruolo è quello di stimolare le candidature di aziende ospitanti e nuovi imprenditori e facilitare la corrispondenza tra le rispettive esigenze e interessi. Erasmus per giovani imprenditori è un’occasione di contaminazione e crescita da entrambe le parti e l’obiettivo di Materahub è favorire l’esperienza in azienda di chi, una volta rientrato in Italia, vorrà fare impresa, supportato da nostre iniziative di settore. Diventa, quindi, assolutamente prioritario, - ha concluso il direttore - per trasformare queste esperienze in opportunità concrete, fare sistema con altri progetti regionali e nazionali orientati all’imprenditorialità».

A portare la propria esperienza diretta di partecipazione al programma, Joseph Geoffriau, giovane imprenditore francese che, nel 2018, ha trascorso 6 mesi a Matera nella sede dello Iac - Centro arti integrate, come esperto in illuminazione scenica. Joseph lavora tutt’ora allo Iac e le sue competenze stanno supportando la realizzazione di alcune iniziative realizzate per l’anno di Matera come Capitale europea della cultura. La conferenza stampa si è chiusa con la promozione dell’iniziativa, voluta da Materahub, Associazione "Maria SS. della Bruna" e l’artista materano Raffaele Pentasuglia, finanziata dal programma Erasmus per giovani imprenditori, che porterà alla selezione di un artista europeo da coinvolgere nella realizzazione del Carro della Bruna 2019.