Home

POTENZA: Il gioco e lo sport nell’Anno Gerardiano e nella futura Città europea dello Sport 2021

Un incontro del Panathlon Club di Potenza che parte dagli insegnamenti di Don Bosco, maestro di Augusto Bertazzoni  Venerdì 11 ottobre 2019, al teatro “F. Stabile” di Potenza, alle ore 17.45,      

Rocco Cantore e Angelo Saltarelli, con il Panathlon Club di Potenza, all’interno delle celebrazioni per l’Anno Gerardiano, presentano l’evento San Giovanni Bosco… ”Ludis Iungit”.

L’incontro è patrocinato dal Comune di Potenza, dall’Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano e Marsiconuovo, dai Salesiani di Potenza e dal CONI Regionale di Basilicata.

Il motto “Ludis Iungit”, indicato dal conte Ludovico Foscari alla istituzione del Panathlon Club a Venezia nel 1951, è quasi la testimonianza di quanto indicò San Giovanni Bosco con il suo Oratorio in favore dei ragazzi “senza scuola e senza chiesa”. Da cui le attenzioni successive dei Salesiani per il gioco e per lo sport nell’attivare dinamismi sportivi in un contesto educativo, culturale e sociale ispirato alla visione cristiana e al sistema preventivo di Don Bosco, dei campi scuola e della formazione degli “alleducatori”.

L’evento sarà l’occasione per sottolineare l’importanza del gioco e dello sport nella città che sarà nel 2021 Città europea dello sport ma che già quest’anno celebra, a novant’ anni dall’arrivo di Augusto Bertazzoni, allievo di San Giovanni Bosco, l’Anno Gerardiano.

Alla relazione di don Donato Bosco, direttore dell’oratorio di Potenza, su “San Giovanni Bosco ed il suo …Ludis Iungit”, seguirà quella del prof. Raffaello Antonio Mecca su “Augusto Bertazzoni, allievo di San Giovanni Bosco” ed infine la testimonianza di monsignor Vitantonio Telesca.