Comunicati stampa

Avigliano : A Lagopesole, “il Mondo di Federico II” chiusi ai turisti.

A Lagopesole, il Castello e il percorso museale “il Mondo di Federico II” chiusi ai turisti. La solita vergogna della politica lucana!  

Nella Basilicata che vogliamo, ricca di bellezze storico – naturalistiche, certe cose non dovrebbero accadere. Nel periodo di maggiore affluenza turistica chiude il percorso museale “il Mondo di Federico II” nel Castello di Lagopesole del Comune di Avigliano.

Abbiamo presentato un’interrogazione al Presidente della Giunta Regionale per conoscere i motivi della chiusura, sollecitando l’immediata riapertura del Mondo di Federico II e la ripresa delle interlocuzioni tra gli Enti coinvolti al fine di definire tutti gli aspetti gestionali del Castello di Lagopesole.

A pochi anni dalla sua realizzazione, il Mondo di Federico rischia di diventare il simbolo dell’incompetenza delle Istituzioni pubbliche che dovrebbero gestirlo.

È il solito rimbalzo di responsabilità in salsa lucana, dove Regione Basilicata, Agenzia del Demanio di Puglia e Basilicata, Sovrintendenza ai Beni Culturali e Paesaggistici e Comune di Avigliano, dal 2014, si incontrano periodicamente per definire tutti gli aspetti relativi alla gestione del Castello di Lagopesole.

Tutti questi incontri ed interlocuzioni si sono sempre conclusi con un nulla di fatto e con continui rinvii.

Quando ci chiediamo perché la nostra Regione, che dovrebbe essere il fiore all’occhiello del Mezzogiorno d’Italia, ne è, invece, il fanalino di coda, la responsabilità ha nomi e cognomi. E tale responsabilità ha il suo centro nel Partito Democratico ovvero nel Partito Regione che si dimostra inadeguato ad affrontare le sfide quotidiane, figuriamoci quelle di ampio respiro come possono essere quelle relative allo sviluppo turistico.

Il Mondo di Federico II veniva gestito dai volontari della Pro loco, che, da circa due settimane, sono stati allontanati dal percorso museale con la conseguente chiusura. Per quale motivo?

Sarebbe opportuno che la Regione Basilicata mettesse ordine in una vicenda assurda, che sta creando non pochi danni ad uno dei maggiori attrattori turistici della Regione.

È vergognoso chiudere un museo, costato milioni di euro. E per cosa? Perché la Regione non riesce a mettere intorno ad un tavolo tutti gli Enti interessati e ad affrontare i problemi dando soluzioni definitive?

Questa è la Basilicata di Pittella e del Partito Democratico. Purtroppo non c’è da meravigliarsi. C’è solo da pregare che tolgano presto il disturbo!

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale