Comunicati stampa

Potenza: Consorzio di bonifica

ACCELLERARE IL PROCESSO DI RIFORMA PER GARANTIRE MIGLIORI SERVIZI AL MONDO AGRICOLO E DIRITTI AI LAVORATORI.   

E’ inaccettabile la situazione di stallo che non vede una soluzione tra la Regione Basilicata e il Consorzio, nonostante si sia provveduto al commissariamento di quest’ultimo.

Malgrado, infatti, la stabilizzazione dei lavoratori,( avvenuta nel settembre del 2016, dopo anni di battaglie sindacali) che prestano servizio presso il Consorzio e le rassicurazioni di qualche mese fa, gli stessi, da quattro mesi continuano a non percepire lo stipendio.

Come denunciato dalle OO.SS. Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, è inaccettabile che a pagare le conseguenze di questa situazione di stallo siano i lavoratori, soprattutto se si pensa che si tratta, in molti casi di famiglie mono reddito. Alla fine dello scorso anno è stata approvata la riforma dei Consorzi di Bonifica. Il nuovo assetto prevede una struttura centrale a Matera (nell’attuale sede del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto) e tre unità operative territoriali relative alle aree dell’ Alta Val D’Agri, Bradano e Metaponto, Vulture e Alto Bradano.

Considerato che la L.R. prevede, in attesa della nomina dell’assemblea, che può avvenire dopo l’approvazione dello statuto stando a quanto previsto dall’art.34, debba avvenire entro il 31.12.2017. E’ auspicabile che la Consulta, come normato dal comma 5 dell’art. 29 di cui fanno parte le organizzazioni professionali si attivi unitamente al commissario per garantire ai lavoratori il pagamento degli stipendi; ma cosa ancora più importante affronti insieme alle OO.SS. ed appunto alla stesso commissario il tema dell’applicazione della intera legge, senza aspettare il 31/12/2017 a partire dall’approvazione del nuovo Statuto del Consorzio Unico e di tutto quanto previsto riguardante l’attività dello stesso.

Servono atti e scelte rapide da parte del Commissario, per evitare legittime azioni di protesta da parte dei lavoratori con il rischio evidente di determinare effetti negativi sui servizi che si forniscono agli agricoltori già oggi in difficoltà a seguito dell’assenza di politiche nazionali e regionali di sostegno per affrontare la crisi e le difficoltà derivanti anche dagli ultimi eventi metereologici.

 

Potenza 13.04.2017Il consigliere regionale

Giannino Romaniello

Gruppo Misto –Movimento Art. 1 Democratici e Progressisti