Comuni

Matera: Lettera a Renzi su "Ferrovia"

Il risultato di tali confronti ha portato solo al recupero progettuale della arteria viaria Ferrandina-Matera-Gioia del Colle e dell'ammodernamento della tratta ferrata Altamura-Matera delle Fal,   

Illustre Presidente, 

ho registrato con infinita soddisfazione il Suo intervento all'assemblea dei Giovani di Confindustria a Santa Margherita Ligure dove ha riproposto il tema eterno dell'isolamento della città di Matera.
La questione è stata da me sollevata durante i molteplici incontri tenuti qui a Matera con il ministro Delrio e nei tavoli di confronto presso il Ministero delle Infrastrutture.
Il risultato di tali confronti ha portato solo al recupero progettuale della arteria viaria Ferrandina-Matera-Gioia del Colle e dell'ammodernamento della tratta ferrata Altamura-Matera delle Fal, affidando a tempi successivi le relative coperture finanziarie.
In tali riunioni l'inserimento di Matera nella rete ferroviaria nazionale ha vissuto solo momenti di sterile attenzione.
Il Suo discorso a Santa Margherita ligure ha riaperto orizzonti, aspirazioni e attese concrete.
Sono perfettamente d'accordo che nel Mezzogiorno bisogna finire "ciò che è stato lasciato incompiuto e abbandonato per decenni". Una di queste storiche incompiute è la tratta RFI ferrata Ferrandina- Matera dove sono stati spesi sinora 530 miliardi di lire. Inoltre il proseguimento per la stazione di Bari rimane, come Lei ha detto, una "espressione dello spirito", anche se la realizzazione della tratta RFI Ferrandina-Matera-Bari è stata fortemente riproposta dall'On. Maria Antezza nel nostro recente colloquio romano.
In questo scenario è utile riproporre il tema ancora inespresso della individuazione delle risorse occorrenti per risolvere il problema della mobilità nella città di Matera.
Di fronte a tale quadro complesso, che investe anche altri settori e servizi urbani, all'atto della firma del Patto per la Basilicata ho sollecitato la definizione di un accordo-quadro fra Stato, Regione e Comune (o di una struttura speciale) per affrontare, nella concretezza delle scelte e delle decisioni, il complesso contesto di criticità di Matera e del suo più vasto territorio, in occasione dell'evento nazionale del 2019.
Mi sento quindi autorizzato, sulla base delle Sue affermazioni, a chiederLe di fissare una riunione operativa perché possano filtrarsi i problemi e possano definirsi, congiuntamente alla Regione, le soluzioni.
Questa è l'attenzione che chiedo al rappresentante del Governo nazionale perché si traducano in progetti ed in finanziamenti le positive Sue pubbliche valutazioni.
Non attendo un Suo cenno di solidarietà umana, ma una nota di formale attenzione istituzionale.
Con rinnovata stima e cordialità.