Cronaca nera

Potenza: Falsificazione, spendita ed introduzione nello Stato di monete falsificate e ricettazione, 2 gli arresti

I carabinieri traevano in arresto, in fragranza di reato, 2 soggetti: i germani R.G. 19enne e R. V. 21enne, entrambi celibi e disoccupati, giudizio in direttissima   

A seguito dei numerosi episodi inerenti la criminalità predatoria verificatisi nella Provincia, i Carabinieri della Compagnia di Potenza hanno intensificato il controllo del territorio con mirati servizi preventivi ed attività info-investigative. I risultati non sono tardati ad arrivare, difatti, i militari della Stazione di Tito, unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile, traevano in arresto, in fragranza di reato, 2 soggetti: i germani R.G. 19enne e R. V. 21enne, entrambi celibi e disoccupati. Grazie ad una mirata attività d'indagine, gli operanti, nel corso di una perquisizione domiciliare, rinvenivano, nel garage della loro abitazione, gran parte della refurtiva asportata lo scorso 19 gennaio presso l'esercizio commerciale "Happy Shopping" di Tito. Oltre ad elettrodomestici e materiale informatico vario, venivano rinvenute anche 54 banconote false, in taglio da euro 100 e 50. I giovani venivano così dichiarati in stato di arresto per falsificazione di monete, spendita ed introduzione nello stato di monete falsificate, nonché ricettazione, in concorso. L'Autorità Giudiziaria disponeva gli arresti domiciliari nei confronti dei fratelli, in attesa giudizio per direttissima previsto per la giornata odierna.