Cronaca nera

Potenza: ALLE MANI CHE OCCULTARONO ELISA

Di voi non si è mai parlato. Del vostro ruolo nella storia di Elisa nessuno ha mai saputo niente, ma semplicemente perché nessuno lo ha mai immaginato. Voi siete stati l'anello più nascosto e più invisibile di quella catena di coperture che dura da più di venti anni.    

Per quello che avete fatto siete però l'anello decisivo e il più importante.

Perché voi siete quelli che l'hanno lasciata in quell'angolo come roba vecchia, quelli che avete coperto e occultato Elisa per sempre.
Gli unici a sapere tutta la verità di questa dolorosa storia.

Mentre le costruivate quel sepolcro vi chiedevate qual era il nome di quella ragazza? Vi fu detto chi l'aveva ridotta in quelle condizioni?
Chi vi commissionò il lavoro da fare?
Chi vi ha ingaggiato è la stessa persona che aveva interesse a nascondere il volto dell'assassino, o si tratta di persone diverse?
In quanti eravate in quel sottotetto?
Sapevate a chi stavate facendo quel piacere?
Quella specie di cappa che realizzaste nel tetto fu una vostra iniziativa o vi fu suggerita da qualcuno?
A chi vi commissionò quel lavoro diceste poi che quel povero cadavere lo lasciaste lì nel sottotetto oppure gli faceste credere altro?
Cosa vi ha fatto sentire al sicuro e impuniti per tutti questi anni?
In cambio di cosa lo avete fatto?
Cosa vi hanno promesso?
Siete stati pagati?
Quel'è stato il prezzo del vostro silenzio per tutti questi anni?

Siamo sulla porta del Giubileo della misericordia, ma la misericordia non si trova al mercato. È un gesto del Cielo che coincide con i gesti della terra.
Diteci allora, anche in forma anonima, per conto di chi avete lavorato.
Voi sapete dove e come cercarmi.

Don Marcello Cozzi