Mostre

AGLIANICA

vitigniPer lo spazio mostre l’arte si presenterà ai visitatori della manifestazione nelle forme più varie. Ben tre gli allestimenti. Saranno 20 gli artisti presenti con SpazioArte, evento curato dall’Associazione Libera-Mente. I portici di Piazza Castello si riempiranno di una collettiva di pittura, scultura ed artigianato.

Aglianica Wine Festival è anche cultura, folclore, spettacoli Sono molti gli eventi culturali e spettacolari presenti alla ottava edizione di AGLIANICA Wine Festival al via dal primo al 3 settembre presso il Castello Pirro del Balzo di Venosa. Per lo spazio mostre l’arte si presenterà ai visitatori della manifestazione nelle forme più varie. Ben tre gli allestimenti. Saranno 20 gli artisti presenti con SpazioArte, evento curato dall’Associazione Libera-Mente. I portici di Piazza Castello si riempiranno di una collettiva di pittura, scultura ed artigianato. Per la fotografia la mostra fotografica “Acqua fonte di vita”, mostra itinerante che si pone come obiettivo la sensibilizzazione sul tema dell’acqua come bene prezioso e non sempre a disposizione di tutti. La mostra è realizzata in collaborazione con la Monticchio Gaudianello S.p.A. che sostiene la campagna di sensibilizzazione avviata da Green Cross, associazione non governativa dell’ONU. E ancora, spazio foto con “Lavoratori stagionali: i frutti dell’ipocrisia” a cura di Medici senza Frontiere che presenta le foto di Francesco Cocco realizzate al fianco dell’equipe di MSF attraverso il Sud Italia. Le immagini raccontano la vita di coloro che sbucciano arance per 15 centesimi al chilo, di chi è affetto da malnutrizione e di tanta sofferenza. Durante le tre giornate, lo ricordiamo grazie alla collaborazione con la Soprintendenza ai beni archeologici e monumentali è possibile visitare fino alle ore 23,30, il museo nazionale presente all’interno del Castello. Per gli amanti dei rapaci, un vero e proprio angolo dove si potranno ammirare magnifici esemplari. Dalle ore 18.00 del 2 settembre, popolani, armigeri, arcieri, falconieri, vescovi, arcivescovi, benedettini, conti, principi e papi sfileranno nell’antichissimo centro storico di Venosa. Si tratta del Corteo storico di Banzi, “La venuta di Papa Urbano II”. insieme ai figuranti di banzi, il gruppo dei Tamburini del Corteo Storico di Acerenza, i Falconieri di Melfi e un gruppo di arcieri di Venosa. venosa--castello--3Ma arte, letteratura, filosofia e musica da Federico II a Gesualdo da Venosa, saranno temi legati al vino nel corso di un seminario che si terrà domenica alle ore 19.00 con Antonio Mario Tamburro, Rettore dell’Università della Basilicata e Marcello Tagliente, Soprintendente ai Beni Archeologici della Basilicata. Per quanto riguarda gli spettacoli invece, protagonista di venerdì sarà il jazz con The BRIDGE QUINTET. Saranno due i generi trattati dalla band: con le atmosfere dello swing si ripercorreranno classici della canzone italiana ed americana mentre, in chiave moderna, verranno rivisitati indimenticabili capolavori della musica brasiliana. Spettacolo dai ritmi etnici quello in programma sabato 2 settembre con La Fanfara Populara. La tradizione delle bande pugliesi, l’irruenza dei ritmi balcanici, la frenesia della tarantella, lo swing e Mazinga ma anche autori come Modugno o Morricone si compongono in un mosaico di incredibile coinvolgimento. Ciliegina sulla torta dell’ottava edizione è lo spettacolo previsto per la chiusura dell’evento. Domenica 3 settembre a Venosa arriva David Riondino con lo spettacolo Fermata Provvisoria. A Riondino bastano una chitarra, una sedia ed un leggio per ispirarsi alla radice popolare di ogni letteratura e per raccontare storie che si intrecciano tra loro come tra luoghi e tempi diversi. Un lavoro comico che trova applausi e ilarità sulla base di una ricerca storica e letteraria, in una continua attività di reinvenzione e riscrittura. Il recital di David Riondino, da il via qui al Sud al Francigena Festival evento legato all’attività del Gal Sviluppo Vulture Alto Bradano che collabora quest’anno alla manifestazione Aglianica Wine Festival, ricordiamo ideata e organizzata dalla società Forum Eventi di Rionero in Vulture. Fermata provvisoria sarà riproposto a Bari il 12 settembre nel corso della Fiera del Levante su iniziativa dei GAL: Sviluppo Vulture Alto Bradano, Basento Calastra, Akiris e Titerno.